Home page » Attività e progetti » Progetti » Archivi di persona

Gioacchino Volpe

Lo storico Gioacchino Volpe, nato a Paganica (AQ) il 16 febbraio 1876 e morto a Santarcangelo di Romagna (RN) il 2 ottobre 1971, fu, all'avvio della sua attività scientifica e di ricerca, uno de principali esponenti della cosiddetta scuola economico-giuridica, che sotto l'influenza del marxismo, così come filtrato dal pensiero di Antonio Labriola e di Gaetano Salvemini, introdusse la dimensione economica e sociale nello studio del Medioevo. Professore all'Università di Milano a partire dal 1905, Volpe si convertì al nazionalismo negli anni del primo conflitto mondiale dedicandosi da allora soprattutto allo studio della storia moderna e contemporanea. Intellettuale di punta del regime fascista, fondatore dell'ISPI e dal 1929 Accademico d'Italia, non aderì alla Repubblica Sociale Italiana per la fede monarchica e sabaudista che lo caratterizzava e che anche dopo la guerra, fu, insieme al nazionalismo, uno dei tratti salienti della sua produzione pubblicistica.
L'archivio di Gioacchino Volpe, contenente materiali di studio e di lavoro, la corrispondenza ricevuta oltre che documentazione sullo storico raccolta dopo la sua morte è stato custodito nei decenni successivi alla morte dai figli ed eredi di Volpe, che lo hanno versato alla Biblioteca comunale "Antonio Baldini" di Santarcangelo di Romagna in tre distinte donazioni: le prime due, del 30 gennaio 1990 e del 13 settembre 2002, la terza nell'estate del 2009, quando Serena Perrone Capano, nipote di Gioacchino Volpe, ha consegnato sempre alla Biblioteca comunale santarcangiolese il carteggio intercorso tra Volpe stesso, la moglie Elisa Serpieri, il cognato Arrigo Serpieri e gli altri familiari.


Interventi previsti
Già oggetto, nel 2005, di un primo intervento di ricognizione complessivo promosso dalla Soprintendenza archivistica per l'Emilia-Romagna, il cui esito è stato in seguito pubblicato a stampa (cfr. E. ANGIOLINI, L'archivio di Gioacchino Volpe presso la Biblioteca Comunale di Santarcangelo di Romagna, "Studi Romagnoli", LVI (2005), pp. 255-289), l'archivio è in corso di riordinamento, rispettando, per quanto possibile, la configurazione esistente onde evitare di snaturare i nuclei documentari, in particolare di quelli che recano tracce di un intervento di organizzazione dello stesso Volpe. Sarà anche realizzata una schedatura del materiale al livello di analiticità indispensabile per dar conto dell'identità e dei caratteri della documentazione.


Obiettivi
Predisposizione dell'inventario dell'archivio. Si prevede la pubblicazione dell'inventario sul sito web della Soprintendenza archivistica per l'Emilia-Romagna.


Tempi
Avviato nel 2008, il progetto si è concluso nel 2010.



Risultati
L'Archivio di Gioacchino Volpe presso la Biblioteca Comunale "Antonio Baldini" di Santarcangelo di Romagna. Inventario (file pdf- 317 KB), a cura di Enrico Angiolini, 2010.
Data di redazione: marzo 2010
Data di aggiornamento: giugno 2011