Home page » La Soprintendenza » Chi siamo » Funzioni e attività rivolte al patrimonio bibliografico

Funzioni e attività rivolte al patrimonio bibliografico



Le attività di tutela del patrimonio librario svolte dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica sono le seguenti:


• Accertamento e dichiarazione dell'interesse culturale di manoscritti, autografi, carteggi, incunaboli, raccolte librarie nonchè libri, stampe, incisioni non appartenenti allo Stato; nella fattispecie deve essere accertato l'eccezionale interesse culturale pe le raccolte librarie (art.10, c.3 del d.lgs. 42/2004 "Codice dei beni culturali e del paesaggio") e il carattere di rarità e di pregio per i manoscritti, gli autografi, i carteggi, gli incunaboli, nonchè i libri, le stampe, le incisioni con relative matrici, le carte geografiche, gli spartiti musicali, le fotografie, con relativi negativi e matrici, le pellicole cinematografiche e i supporti audiovisivi in generale (art10, c. 4)

• Disposizione di ispezioni volte ad accertare lo stato di conservazione e di custodia dei beni librari (art. 19)

• Autorizzazione allo spostamento anche temporaneo dei beni bibliografici (art. 21, c. 1, lettera b)

• Autorizzazione allo scarto dei beni librari (art. 21, c. 1, lettera c)

• Formulazione di proposte per l'esercizio del diritto di prelazione (art.60 e ss.)

• Dichiarazione di bene culturale, su proposta degli Uffici Esportazione (art.14), in conseguenza del diniego all'esportazione

• Rilascio dell'autorizzazione preventiva al trasferimento in occasioni di mostre e manifestazioni nel territorio nazionale (art. 48)

• Proposta della custodia coattiva dei beni librari di cui è stato verificato il rischio di dispersione o di distruzione

• Adozione di misure urgenti per il salvataggio e recupero del patrimonio bibliografico in caso di calamità naturali

• Verifica dell'idoneità delle sedi, attrezzature e impianti destinati alla conservazione di raccolte pubbliche o private dichiarate di eccezionale interesse

• Autorizzazione su presentazione di progetto per l'esecuzione di opere e lavori di qualunque genere su beni librari (art. 21)

• Rilascio di autorizzazioni derivanti da denuncia di trasferimento di proprietà o di detenzione di beni (artt.21 e 29)

• Collaborazione con i Nuclei Tutela Patrimonio culturale

• Effettuazione di controlli sul commercio antiquario, in occasione di aste, mostre mercato, mercatini di antiquariato (art.63)



Inoltre la Soprintendenza archivistica e bibliografica dell'Emilia Romagna collabora con l'Ufficio Esportazione, istituito presso la Soprintendenza archeologica belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, per lo svolgimento delle sottoindicate funzioni connesse alla libera circolazione e all'esportazione dei beni librari non statali:


• Espletamento delle procedure connesse al rilascio dell'autorizzazione preventiva al trasferimento e all'esportazione temporanea di beni librari in occasione di mostre e manifestazioni culturali fuori dal territorio della Repubblica (art. 66)

• Espletamento delle pratiche per l'importazione temporanea nel caso di opere provenienti dall'estero

• Procedure connesse al rilascio di autorizzazione e certificazione di spedizione/importazione temporanea

• Procedure connesse al rilascio di autorizzazioni e conseguenti attestati di libera circolazione per l'uscita definitiva dal territorio della Repubblica (art.78)

• Facoltà di proposta al Ministero per l'acquisto coattivo dei beni librari per i quali è stato richiesto l'attestato di libera circolazione (art. 70)

• Rilascio della licenza di esportazione in caso di esportazione fuori dal territorio della U.E. (art. 74).
Data di redazione: febbraio 2021